La Matematica, La Fisica e le Scienze

Oltre quanto vede l’occhio: il dinamico universo dell’astrofisica delle alte energie

Il 15 marzo 2017, alle ore 17.30, il Prof. Attilio Ferrari (Università degli Studi di Torino)  terrà la settima conferenza de I Mercoledì dell'Accademia 2017 


Abstract

Le osservazioni astrofisiche raccolte dagli osservatori spaziali con “occhi” per raggi X e gamma e dai grandi radiotelescopi e rivelatori di raggi cosmici a Terra, hanno rivelato negli ultimi decenni un universo altamente dinamico, molto diverso da quello apparentemente immobile mostratoci dai telescopi ottici. Recentemente una nuova finestra osservativa si è aperta con lo sviluppo degli esperimenti per la rivelazione di onde gravitazionali come increspature dello spazio-tempo. È così stato possibile avere la diretta osservazione di collassi di supernove, coalescenza di buchi neri stellari di grande massa, impulsi radio da stelle di neutroni, vortici intorno a buchi neri nei nuclei delle galassie, getti collimati supersonici e relativistici espulsi da stelle e galassie attive.

L’interpretazione fisica di tali fenomeni richiede lo sviluppo di metodologie basate sulle tecniche dei sistemi complessi. La condizione fisica dell’universo è lo stato di plasma, poco presente nell’ambiente terrestre, se non nell’alta magnetosfera; uno stato in cui le interazioni elettromagnetiche portano a comportamenti collettivi molto ricchi in fenomenologie complesse da descrivere. In tempi recenti metodi numerici su supercalcolatori hanno permesso di analizzare processi in condizioni senza equivalenti in laboratorio per mezzo dei quali si stanno costruendo i modelli dell’esotico universo delle alte energie. E da questi studi sarà anche possibile sviluppare tecnologie per la produzione di energia.

Sala dei Mappamondi, ingresso da Via Accademia delle Scienze 6 

Consulta il calendario completo del ciclo

 

 

Aggiungi a Google Calendar