John HOPKINSON

Classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali
Fisico e Ingegnere elettrico

Socio corrispondente dal 15 maggio 1892
Nato a Manchester il 27 luglio 1849
Deceduto a Val d'Herens (Svizzera) il 27 agosto 1898

Biografia

John Hopkinson fu educato alla Queenwood School di Hampshire e all'Owens College di Manchester. Riuscì ad entrare nel 1867 nel Trinity College di Cambridge e si laureò nel 1871 come Senior Wrangler. Durante questo periodo passò l'esame per diventare BSc per la University of London. Hopkinson avrebbe potuto seguire una carriera puramente accademica, ma aveva l'Ingegneria quale sua vocazione.

Dopo aver dapprima lavorato nelle opere del padre, Ingegnere meccanico, Hopkinson guadagnò nel 1872 una posizione come manager nel dipartimento di Ingegneria dei fari dei Chance Brothers and Company a Smethwick.

Nel 1877 Hopkinson fu eletto Membro della Royal Society, in riconoscimento della sua applicazione della teoria di Maxwell ai problemi elettrostatici di capacità elettrica e carica residua.

Nel 1878 si trasferì a Londra per lavorare come consulente Ingegnere, focalizzandosi in particolare sul miglioramento di design ed efficienza delle dinamo. Il suo più importante contributo fu il suo sistema di distribuzione a tre cavi, brevettato nel 1882.

Nel 1883 Hopkinson dimostrò analiticamente che era possibile connettere due dinamo a corrente alternata in parallelo -— (un problema che aveva a lungo diviso gli Ingegneri elettrici).

Egli lavorò anche in molti sottocampi dell'elettromagnetismo e, nel 1890, divenne professore di Ingegneria elettrica al King's College London, dove fu anche direttore del Laboratorio Siemens.

John Hopkinson fu membro della Royal Society e due volte presidente della IEE nel 1890 e 1896. Durante il suo secondo mandato, Hopkinson propose che l'Institution dovesse rendere disponibile la conoscenza tecnica degli Ingegneri elettrici per la difesa della nazione.

Nel 1897 furono formati i Corpi Volontari degli Ingegneri elettrici e Hopkinson divenne supremo comandante di tali corpi.

La legge di Hopkinson, la controparte magnetica alla legge di Ohm, è così chiamata in suo onore.


Dalla Teca Digitale