Antonello PROVENZALE

Classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali
Dirigente di Ricerca CNR, Direttore dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse

Socio corrispondente dal 29/09/2020 per scienze della terra
Nato a Vercelli il 24/11/1958

Curriculum vitae

Antonello Provenzale si è laureato in Fisica nel 1982 e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Fisica presso l’Università di Torino nel 1987, con una tesi sui moti turbolenti a grande scala in oceano. Ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche dal 1987, è Dirigente di Ricerca dal 2007. Dal 2015 è direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR, con sede principale a Pisa.

L’attività di ricerca si è concentrata dapprima sulla dinamica dei fluidi geofisici, sulla dinamica dei fluidi auto-gravitanti, sui processi di pattern formation in sistemi naturali e sul comportamento dei sistemi caotici, utilizzando metodi di analisi dati, modelli concettuali e simulazioni numeriche. Dal 2000, l’attenzione si è focalizzata sempre più sulla dinamica del clima planetario, sulle interazioni fra geosfera e biosfera e sugli impatti dei cambiamenti climatici su ciclo dell’acqua, incendi e processi eco-idrologici. Recentemente, si è dedicato sullo studio della “Critical Zone”, lo strato vivente fra il fondo dell’acquifero superficiale e la cima della vegetazione che include le falde, il suolo e gli organismi che lo abitano, la vegetazione, e tutti i processi fisici, chimici, geologici, geomorfologici e biologici che controllano l’alterazione delle rocce, i cicli biogeochimici e il funzionamento degli ecosistemi terrestri. Collabora con il Parco Nazionale Gran Paradiso, con cui ha promosso la creazione del primo osservatorio di Critical Zone italiano all’altopiano del Nivolet. Ha pubblicato più di 180 lavori su riviste internazionali (ISI) ed è stato relatore di più di venti tesi di Dottorato di Ricerca.

Nel 1997 ha ricevuto il Golden Badge Award della European Geophysical Society (ora European Geosciences Union) per le sue attività di coordinamento scientifico della sezione “Nonlinear Processes in Geophysics”. Ha trascorso prolungati periodi di lavoro e collaborazione scientifica alla Ecole Normale Superieure a Parigi (dal 1990), alla Columbia University di New York (dal 1996), alla Woods Hole Oceanographic Institution (dal 1997), all’Università del Colorado a Boulder (dal 1993) e alla Ben Gurion University di Beer Sheva (dal 1996). E' stato professore invitato presso la ENS (2005) e la Université Pierre et Marie Curie di Parigi (2008, 2009), presso la Università del Colorado a Boulder (1997) e dal 2005 al 2019 è stato membro della Walsh Faculty del Summer Program on Geophysical Fluid Dynamics della Woods Hole Oceanographic Institution.

Ha organizzato svariati convegni e scuole internazionali ed ha partecipato ad un gran numero di progetti di ricerca. Ha coordinato o coordina progetti nazionali e internazionali quali il Progetto di Interesse MIUR “NextData”, il progetto H2020 “ECOPOTENTIAL: Improving Ecosystem Benefits using Earth Observations”, e i due progetti PON di sviluppo infrastrutturale e di incremento del capitale umano “LifeWatch Plus”, collegati all’infrastruttura di ricerca europea LifeWatch ERIC. Contribuisce alle attività del Group on Earth Observations (GEO) e del Belmont Forum. Ha svolto attività di docenza di corsi universitari e di dottorato presso le Università di Torino, Genova e Pisa.

Svolge attività di disseminazione della scienza, mediante articoli divulgativi, conferenze pubbliche e libri (“Il mutamento climatico”, in collaborazione con l’Accademia delle Scienze di Torino, il volume per ragazzi “Che cos’è il Global Warming” e il volume fotografico-divulgativo “Una montagna di vita”). E’ presidente del Consiglio Scientifico dell’Associazione Centroscienza di Torino. E’ appassionato di fotografia naturalistica, di montagna e di equitazione.

 

ultimo aggiornamento ottobre 2020