Carlo Federico GROSSO

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
professore emerito, già ordinario di Diritto penale nell’Università di Torino

Socio corrispondente dal 05/03/1991 per scienze giuridiche
Nato a Torino il 14/11/1937
Deceduto a Torino il 24/07/2019

 

Curriculum vitae

Laureatosi a Torino nel 1959 con una tesi di laurea in diritto penale discussa con il prof. Marcello Gallo, di cui è stato uno dei primi allievi, ha intrapreso la carriera universitaria, conseguendo nel 1962 la libera docenza in diritto penale ed ottenendo nel 1963 l'incarico dell'insegnamento di diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Urbino.

È risultato vincitore del concorso a cattedra in diritto penale nel 1965 ed a partire dal 1 febbraio 1966 è stato chiamato come professore straordinario di diritto penale nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Urbino. Dal 1 novembre 1969 ha ricoperto, in qualità di professore ordinario, la cattedra di diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Genova.

Dal 1 novembre 1974 è stato chiamato a fare parte della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Torino, della quale è tuttora componente come professore ordinario di diritto penale.

Eletto come indipendente nelle liste del PCI, è stato vicesindaco di Torino negli anni ottanta, consigliere comunale di Torino dal 1980 al 1990, poi, dal 1990, Vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte. Nel 1994 è stato eletto dal Parlamento in seduta comune componente del Consiglio Superiore della Magistratura; nel 1996 è stato eletto Vicepresidente dello stesso CSM, carica che ha mantenuto fino al 1998, quando il suo mandato è scaduto.

È stato insignito dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro dell'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana.

È componente del Comitato scientifico di alcune delle più importanti riviste penalistiche italiane, in primo luogo, dal 1973, della Rivista italiana di diritto e procedura penale, nonché di Cassazione penale.

 

 

Ultimo aggiornamento giugno 2010

 

Dalla Teca Digitale