Christian Karl Josias von BUNSEN

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
Uomo politico e scienziato

Socio corrispondente dal 30/11/1854
Nato a Korbach nel Waldeck (Germania) il 25/08/1791
Deceduto a Bonn il 28/11/1860

Biografia

Dopo gli studi a Marburg e Göttingen, si volse alla germanistica e alle lingue orientali. Subì dapprima l'influsso di Heyne, poi di Lachmann, finché nel 1813 si trasferì a Berlino quindi nel 1816 a Parigi alla scuola di Silvestre de Sacy. Ma lo storico Berthold Georg Niebuhr lo portò a Roma, e insieme vi divennero capi della comunità evangelica tedesca fondata nel 1819. Dal 1823 al 1838 Bunsen rappresentò, dopo Niebuhr, la Prussia presso la Santa Sede. Sotto il patronato del futuro re Federico Guglielmo IV fu fondato l'Istituto archeologico prussiano (poi germanico). A lui si deve la concessione da parte della Curia romana per la costruzione di un cimitero protestante presso la piramide di Caio Cestio (cimitero degli inglesi). Successivamente fu destinato all'Inghilterra come ambasciatore di Prussia dal 1842 e vi rimase fino al 1854 in condizioni politiche avverse. Nella sua vita si occupò di archeologia e di egittologia, di storia con una inclinazione filosofica, continuando nella sua ultima residenza di Heidelberg. Fu grande ammiratore del Risorgimento italiano come della nuova era liberale che sorgeva in Prussia con la reggenza di Guglielmo I.

 

a cura di A.R.

Dalla Teca Digitale