Emilio TEZA

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
Letterato, filologo e traduttore

Socio corrispondente dal 31/05/1908
Nato a Venezia il 14/09/1831
Deceduto a Padova il 30/03/1912

Studiò a Padova e a Vienna giurisprudenza e fu addetto alla Biblioteca Marciana e, alla Laurenziana

Insegnò quindi sanscrito, lingue classiche comparate, lingue romanze, con vari titoli delle cattedre, nelle università di Bologna, Pisa, Padova.

Molto apprezzato come professore per la sua abitudine di iniziare veri e propri “discepoli” che indirizzava e seguiva in base alle attitudini individuali di ognuno.

Molto amico di Carducci il quale gli attesto la propria riconoscenza per avergli infuso la voglia di approfondire le proprie conoscenze.

Egli padroneggiava l'enorme famiglia linguistica indoeuropea oltre all'ungherese, il finlandese, il cinese, il giapponese, il tibetano, e perfino le lingue indigene e allo stesso tempo fu uno scienziato e un artista.

Tradusse, libri e trattati di Goethe, Voss, Groth, Puškin, Tennyson, Longfellow, Heine, Petőfi e altri e fu cultore appassionatissimo e della nostra lingua, conoscitore sagace e profondo.

 

Biografia a cura di Federico Di Maria.

Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro anno 2016-2017.

Dalla Teca Digitale