Gaston-Camille-Charles MASPERO

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
Egittologo

Socio corrispondente dal 01/02/1885
Socio straniero dal 26/02/1893
Nato a Parigi il 23/06/1846
Deceduto a Parigi il 30/06/1916

Nacque a Parigi da madre milanese, di cui prese il cognome, mentre resta incerta l'identità del padre. Dopo un breve soggiorno in Perù, interessato a lingue locali, tornò in Francia nel 1868 e dal 1869 insegnò lingua egizia e archeologia alla ÉcolePratique des Hautes Études, poi nel 1874 ottenne la cattedra di egittologia al Collège de France. Tra gli allievi ebbe Ernesto Schiaparelli.

Nel novembre del 1880, dopo una missione per ricerche epigrafiche in Italia,  si recò in Egitto a capo di una spedizione archeologica per conto del governo francese, che aveva dato vita all'Institut Français d'Archéologie Orientale. Ciò avvenne alcuni mesi prima della morte di Mariette, al quale Maspero succedette come direttore generale degli scavi e delle antichità in Egitto, riprendendone quindi le ricerche nella necropoli di Saqqara, dove scoprì i Testi delle Piramidi. Nel luglio 1881 sottrasse al saccheggio di tombaroli locali la sepoltura collettiva di mummie reali nelle adiacenze di Deir el-Bahari.

Tornato a Parigi ricoprì nuovamente il suo incarico accademico dal giugno 1886 fino al 1899, quando venne di nuovo in Egitto come direttore generale del dipartimento delle antichità. A seguito di un terremoto il 3 ottobre dello stesso anno avviò i restauri nel tempio di Karnak. Si occupò egualmente del trasferimento delle collezioni di antichità, in continuo incremento, dal palazzo di Isma'il Pascià a Giza all'imponente edificio appositamente costruito in piazza Tahrir nel 1902, e ne promosse la pubblicazione in numerosi volumi. La morte lo colse durante una seduta dell'Académie des inscriptions et belles-lettres e fu sepolto nel cimitero di Montparnasse, a Parigi.

Ale.Ro. aprile 2020

Dalla Teca Digitale