Giovanni FLECHIA

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
Professore di Storia comparata delle lingue classiche e neolatine nell'Università di Torino

Socio nazionale residente dal 26/12/1869
Nato a Piverone (TO) il 06/11/1811
Deceduto a Piverone (TO) il 1892

Filologo e glottologo, è considerato il fondatore della linguistica torinese. Tenne la cattedra di Grammatica sanscrita dal 1853 al 1892 e, dal 1860 al 1891, anche quella di Grammatica comparata delle lingue indo-europee e di sanscrito.

Giovanni Flechia nasce nel 1811 a Piverone, piccolo borgo sulle pendici della Serra d’Ivrea,  e ivi si spegne nel 1892. Eminente filologo e glottologo, viene considerato il fondatore della linguistica torinese nonché l’antesignano della dialettologia e degli studi di toponomastica, fu titolare dell’insegnamento di Grammatica Sanscrita nell’Università di Torino dal 1853, prima di ricoprire la cattedra di Grammatica comparata delle lingue indo-europee e di sanscrito (1860) e di Storia comparata delle lingue classiche e neolatine (1875–1890). Ha presieduto la Facoltà di Lettere e Filosofia dal 1870 al 1876. Autore della prima grammatica sanscrita pubblicata in Italia (Torino 1856), nonché di una Storia delle Indie orientali (Torino 1862), va ricordato per le sue traduzioni di episodi del Ramayana e del Mahabharata e di parte delle novelle del Pancatantra. Fu socio della Reale Accademia delle Scienze di Torino dal 1870, dell’Accademia dei Lincei dal 1875, della Società Reale di Napoli dal 1870 e inoltre cavaliere dell’Ordine Civile di Savoia dal 1875. Fu senatore del Regno dal 1891.

a cura di f.a. p., 2005

Dalla Teca Digitale