Guido FUBINI

Classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali
Matematico

Socio nazionale residente dal 08/05/1932
Nato a Venezia il 19/01/1879
Deceduto a New York il 06/06/1943

Le ricerche di Fubini, matematico di livello internazionale, spaziarono dall’analisi alla teoria dei gruppi, dalla geometria non euclidea alla geometria proiettiva differenziale, dalla fisica matematica all’ingegneria.

Nasce a Venezia il 19 gennaio 1879 e muore a New York il 6 giugno 1943.

Allievo della Scuola normale superiore di Pisa si laurea in Matematica nel 1900 e dopo un incarico a Catania, nel 1906 vince a Genova la cattedra di Analisi matematica e nel 1908 si trasferisce al Politecnico di Torino dove insegna Analisi algebrica e infinitesimale e Analisi superiore all'Università dal 1910, fino alle nefaste leggi razziali del 1938 che lo costringono ad emigrare negli Stati Uniti. Qui insegnerà a Princeton e a New York.

Le ricerche di Fubini spaziano dall'analisi alla teoria dei gruppi, dalla geometria non euclidea alla geometria proiettiva differenziale, dalla fisica matematica all'ingegneria.

Fra i principali contributi nel campo dell'analisi si ricordano quelli relativi al calcolo delle variazioni, al calcolo integrale, alla teoria delle equazioni differenziali, in particolare lineari a coefficienti razionali, non tipo Fuchs, e a questioni collegate a classici problemi di minimo. Anche alla geometria non-euclidea riuscì ad apportare contributi interessanti; tra questi sono da menzionare le estensioni al caso non-euclideo di varie nozioni e teoremi di geometria differenziale classica quali quelli relativi alla superficie W, alla nozione di applicabilità, alle funzioni armoniche su spazi a curvatura costante. Fubini dedica, poi, numerosi e importanti lavori alla geometria proiettiva differenziale, secondo l'indirizzo analitico che ne aveva dato il suo maestro L. Bianchi. I risultati conseguiti in questo campo, di cui egli è considerato uno dei fondatori, sono contenuti anche in due classici trattati scritti in collaborazione con il cecoslovacco Edward Čech che soggiornò a Torino.

Importanti sono pure le ricerche dedicate da Fubini alla fisica matematica e all'ingegneria, dove troviamo fra l'altro un primo esempio di trattazione matematica della correzione dei tiri in artiglieria, studi delle equazioni per membrane e piastre sonore, analisi del comportamento di uno strato dielettrico in un campo elettromagnetico, trattazioni di questioni di ottica, acustica, relatività, di statica della trave e dell'arco e l'opera, in due volumi, scritta con G. Albenga La matematica dell'ingegnere e le sue applicazioni.

Fra i riconoscimenti ottenuti da Fubini per la sua vasta e originale produzione ricordiamo il Premio Reale per la Matematica, assegnatogli dall'Accademia dei Lincei nel 1919 e le numerose nomine accademiche.

a cura di c.s. r., 2005

Dalla Teca Digitale