Hendrik Antoon LORENTZ

Classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali
Professore di fisica nell'Università di Leida, Premio nobel per la Fisica nel 1902

Socio corrispondente dal 14/06/1903
Socio straniero dal 05/03/1922
Nato a Arnhem (Olanda) il 18/07/1853
Deceduto a Haarlem (Olanda) il 04/02/1928

Cenni biografici

Hendrik Antoon Lorentz riceve nel 1902 il premio Nobel per i suoi studi dell'elettrodinamica dei corpi in movimento in base alle equazioni di Maxwell, e in particolare per la sua interpretazione del cosiddetto effetto Zeeman. Nel 1892 Lorentz aveva introdotto l'ipotesi della contrazione dei corpi in movimento, nella direzione del moto, per spiegare il risultato nullo ottenuto nell'esperimento di Michelson e Morley. In seguito egli propose le regole di trasformazione delle coordinate spazio-temporali tra due sistemi di riferimento inerziali, che ancora oggi sono chiamate trasformazioni di Lorentz. Queste equazioni sarebbero poi state ritrovate nell'ambito della teoria della relatività da Albert Einstein, del cui lavoro Lorentz fu una delle principali fonti di ispirazione.

 

Leggi la biografia completa sull'enciclopedia Treccani    

Dalla Teca Digitale