Joseph Diez GERGONNE

Classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali
Matematico e Professore di Astronomia nell'Università di Montpellier

Socio corrispondente dal 12 dicembre 1813
Nato a Nancy il 19 giugno 1771
Deceduto a Montpellier il 4 aprile 1859

Biografia

Docente di Matematica trascendentale nella École Centrale di Nimes nel 1785 nel 1810, per reagire alle difficoltà che incontrava per avere i suoi lavori pubblicati, fonda una rivista: questa ufficialmente si chiamava Annales de mathématiques pures et appliquées, ma in generale veniva detta Annales de Gergonne. L'argomento più frequentemente trattato negli articoli era la geometria, il campo che interessava maggiormente Gergonne. Nel corso dei suoi 22 anni di vita, gli Annales de Gergonne hanno pubblicato oltre 200b articoli dello stesso Gergonne e scritti di molti matematici di rilievo: Jean Victor Poncelet, François Servois, Étienne Bobillier, Jakob Steiner, Julius Plücker, Michel Chasles, Charles Brianchon, Pierre Dupin, Gabriel Lamé ed anche Évariste Galois.

Nel 1816 Gergonne ottiene la cattedra di astronomia dell'Università di Montpellier. Nel 1830 è nominato Rettore dell'Università di Montpellier ed in quel momento interrompe la pubblicazione del suo Journal. Lascia l'università nel 1844.

Gergonne è stato il primo matematico a servirsi del termine polare. In una serie di lavori pubblicati a partire dal 1810, egli scopre il principio di dualità nella geometria proiettiva, osservando che ad ogni teorema della geometria del piano che mette in relazione punti e linee corrisponde un altro teorema nel quale punti e linee si scambiano i ruoli. Nel egli propone un'elegante soluzione per il problema di Apollonio, problema consistente nell'individuare una circonferenza che tocca tre circonferenze.



Immagine tratta dal sito dell'Università di Montpellier

 

Dalla Teca Digitale