Luigi PIGORINI

Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
Professore di Paleontologia nella Università di Roma

Socio corrispondente dal 17/06/1883
Socio nazionale residente dal 12/04/1908
Nato a Parma il 10/01/1842
Deceduto a Padova il 01/04/1925

Biografia

Formatosi nell'ambiente del Museo di Parma si occupò delle raccolte numismatiche entrando in contatto con Bartolomeo Gastaldi e con gli archeologi che si occupavano delle terramare dell'Emilia. Tra il 1866 e il 1867 fu mandato a Roma e a Napoli per verificarvi lo stato degli studi di paletnologia, criticandone l'impostazione umanistico-erudita, e al ritorno divenne direttore del museo parmense. Nel 1871 fu tra gli organizzatori, con Ariodante Fabretti, del V Congresso internazionale di archeologia e antropologia preistoriche a Bologna. Nel 1875 fu nominato capo sezione della Direzione generale dei musei e degli scavi di antichità del Regno, istituita a Roma a seguito allo spostamento del ministero della Pubblica Istruzione nella nuova capitale. Ne approfittò per creare a Roma il Museo preistorico ed etnografico (il quale ora ne porta il nome) affiancato da un insegnamento apposito di paletnologia nell'Università, che egli detenne (come professore ordinario dal 1890) fino al collocamento in quiescenza nel 1917. La sua azione contribuì allo smantellamento del Museo kircheriano, d'intesa con Ernesto Schiaparelli, che donò reperti archeologici dai suoi scavi in Egitto. Nel 1912 divenne senatore del regno, forte dell'appoggio della Casa reale.

Il suo pensiero, ispirato dalla convinzione di una parentela ideale tra popoli italici e abitanti del centro Europa, al punto di piegare a tale concezione anche il frutto dei suoi scavi, fu coerente con le scelte politiche di quegli anni, a sostegno della Triplice Alleanza, e i crescenti sentimenti nazionalistici.

Dalla Teca Digitale