Regolamento dei premi

Bando e procedura per l’assegnazione

Art. 1

L’Accademia delle Scienze bandisce periodicamente premi di carattere nazionale o internazionale, con le finalità e – ove non contrastino con i successivi articoli – con la periodicità stabilite dai donatori dei relativi fondi. I premi sono assegnati in conformità alle norme prescritte dalle tavole di fondazione o dai legati.

Art. 2

L’ammontare di ogni premio è stabilito dal Consiglio di presidenza, su proposta della Commissione per i Premi.

Art. 3

Il bando stabilisce i requisiti di partecipazione, le  modalità di proposta e le persone o istituzioni qualificate a indicare i premiandi, le modalità di nomina delle commissioni giudicatrici da parte delle singole Classi o delle Classi unite, le modalità di approvazione della relazione delle commissioni.

Art. 4

Il conferimento avviene nella seduta inaugurale dell’anno accademico o in altra adunanza pubblica delle Classi unite.

Gestione dei fondi

Art. 5

I fondi destinati ai premi sono oggetto di gestione separata, e il loro bilancio è allegato al bilancio ordinario dell’Accademia. Le spese di amministrazione sostenute dall’Accademia saranno determinate annualmente dal Consiglio di Presidenza, sentita la Commissione Premi, e imputate ai fondi dei singoli premi.

Art. 6

Nella gestione del capitale di ogni premio il Consiglio di presidenza è tenuto a salvaguardarne il valore reale, compatibilmente con l’esigenza di non sospenderne
l’assegnazione, e ad adottare i provvedimenti necessari
in caso di svalutazione della moneta, compresa l’eventuale capitalizzazione parziale o totale degli interessi maturati**.

Art. 7

Qualora gli interessi disponibili non siano tali da consentire il rispetto della periodicità prevista, il Consiglio di presidenza potrà procedere al loro accantonamento integrale finché non sia raggiunto un importo minimo, determinato nella somma di  € 5.000.

Art. 8

Nel caso che il capitale di un premio scenda sotto una soglia minima determinata dalla Commissione per i Premi, il Consiglio di presidenza può deliberarne la sospensione.

 

Approvato dalle Classi Unite del 12 dicembre 2000