Caporetto 1917. A un passo dalla "finis Italiae"?

A cura di Pier Giorgio Zunino, Il Mulino, Bologna 2020

Il successo dell’assalto che austroungarici e tedeschi sferrarono il 24 ottobre 1917 sull’estremo settore orientale del fronte italiano sorprese persino gli attaccanti. Da quel momento ciò che restava di un’armata in fuga arretrò per diciotto giorni, arrestandosi non prima di aver passato il Piave. Nella caotica ritirata si persero 40.000 tra morti e feriti, 265.000 prigionieri e oltre 350.000 sbandati. Ma prima che le truppe si attestassero sulla sponda destra del fiume non fu per nulla certo che quello fosse l’ultimo sicuro approdo e per l’Italia, divenuta preda inerme dell’ex alleato, parve essere giunta la fine. Il libro indaga le diverse reazioni provocate da quell’evento: vi fu chi ritenne che un mondo fosse crollato, diffondendo la convinzione che l’Italia avesse perso per sempre la sua battaglia con la storia, mentre altri credettero invece che il paese avesse subito una dura ma provvidenziale lezione. Gli uni e gli altri non sfuggirono alla sensazione che ricorrenti accadimenti estremi appartengano al destino dell’Italia. Che dunque Caporetto sia una metafora della storia italiana e che, al pari degli esami, le Caporetto non finiscano mai?

Caporetto 1917 coperta