Carlo Vidua

Carlo Vidua, la politica e la democrazia in America

Roberto Coaloa

Aveva vent’anni Alexis-Charles-Henri de Tocqueville quando, nel 1825, cominciò a pensare a un
viaggio in America per chiarire le sue idee sulla democrazia.
Ne aveva trentatré Vidua quando, nel 1818, decise di partire per gli Stati Uniti d’America e così
chiarire le sue idee su problemi costituzionali e liberali. Il viaggio, però, lo fece nel 1825, perché molte cose
stavano cambiando in Europa e Vidua voleva osservarle da vicino.

Disponibile dal 19 luglio 2021

Aveva vent’anni Alexis-Charles-Henri de Tocqueville quando, nel 1825, cominciò a pensare a un viaggio in America per chiarire le sue idee sulla democrazia.
Ne aveva trentatré Vidua quando, nel 1818, decise di partire per gli Stati Uniti d’America e così chiarire le sue idee su problemi costituzionali e liberali. Il viaggio, però, lo fece nel 1825, perché molte cose stavano cambiando in Europa e Vidua voleva osservarle da vicino.
Negli Stati Uniti, Vidua è protagonista. Rispetto a Tocqueville, più giovane di lui, è un viaggiatore che ha conosciuto ogni parte del mondo e parla anche l’inglese correttamente. Il suo bagaglio culturale è impressionante. Così come la collezione che raduna: sette casse di libri negli Stati Uniti. Due casse di libri in Messico. La biblioteca americana di Vidua, che conta 1300 titoli, è al suo tempo la più ricca in Europa (ed è oggi conservata presso l'Accademia). Attraverso similitudini e differenze si snoda questo video che intende porre in luce un personaggio da riscoprire.