Premio Burzio

Il Premio è stato istituito nel 2005 in collaborazione con la Fondazione Filippo Burzio.

PREMIO 2019

Ha periodicità biennale e premia un'opera di un autore italiano vivente nel campo delle scienze politiche, che sia stata pubblicata nel biennio solare precedente l'anno in cui il Premio viene assegnato. 
 

Nell'immagine: Filippo Burzio 

 

  • Burzio 2019

    Elena Alessiato, “Lo spirito e la maschera. La ricezione politica di Fichte in Germania nel tempo della Prima Guerra Mondiale” (Il Mulino, 2018) 

  • Burzio 2017

    Marzia Ponso, Processi, riparazioni, memorie. L'«elaborazione del passato» nella Germania postnazista e postcomunista, Mimesis Edizioni, 2015

  • Burzio 2015

    Luigi Mascilli Migliorini, METTERNICH, Salerno Editrice, 2014

  • Burzio 2013

    Valentina Pazè, IN NOME DEL POPOLO. IL PROBLEMA DEMOCRATICO, Laterza, 2011

  • Burzio 2011

    Adriano Viarengo, CAVOUR, Salerno Editrice, 2010

  • Burzio 2009

    Sergio Fabbrini, COMPOUND DEMOCRACIES: WHY THE UNITED STATES AND EUROPE ARE BECOMING SIMILAR, Oxford, Oxford University Press, 2007.

  • Burzio 2007

    Emilio GENTILE, La democrazia di Dio. La religione americana nell'era dell'impero e del terrore, Laterza, Roma-Bari 2006.

  • Burzio 2005
    Pier Giorgio ZUNINO, La Repubblica e il suo passato. Il fascismo dopo il fascismo, il comunismo, la democrazia: le origini dell’Italia contemporanea, Il Mulino, Bologna, 2003.