Il Marzocco

#l'accademianonsiferma

Il Marzocco è una rivista letteraria settimanale (o periodico per usare un termine amato dalle biblioteche). 
Fu fondata a Firenze nel 1896 ma fin dai primi numeri assunse un'importanza nazionale, grazie alla collaborazione di celebri e valenti redattori, tra i quali dei "grandi" della letteratura: Giovanni Pascoli, Enrico Corradini, Gabriele D'Annunzio, il quale ebbe anche il merito di scegliere il nome della testata ispirandosi alla statua del marzocco (un leone seduto che con la zampa destra alzata sostiene lo scudo col giglio, stemma di Firenze). 
Cessò la sua attività nel 1932.
La rivista, molto curata anche esteticamente, era in un formato simile agli odierni quotidiani e consisteva in tutto di quattro grandi fogli con incisioni e fotografie di opere d'arte. L'Accademia possiede le annate dal 1913 al 1932 (donate dal filosofo e socio Gioele Solari) e le ha recentemente digitalizzate per preservane la conservazione e migliorarne la fruizione.
 
Ma di cosa parlava un secolo fa, il 16 maggio 1920?
Oltre a due poeti [Siciliani e Gaeta], a un nuovo libro su Giuliano l'Apostata, un lungo articolo è intitolato è dedicato a La scuola: eterna questione [!]. Vi invitiamo a leggerlo alle scansioni 1756-1757 e a trarre le vostre conclusioni.
 
 
Marzocco - testata
Marzocco - leone
webacademy