Le mie prigioni

#l'accademianonsiferma

Nel 1832 Silvio Pellico, nato a Saluzzo in Piemonte il 24 giugno 1789, dà alle stampe la prima edizione de Le mie prigioni, un'opera che riscuotendo sin da subito un grande successo e popolarità non solo in Italia ma anche in Europa, fu quello che oggi definiremmo un vero e proprio best seller dell'Ottocento

 

Nell'opera l'autore racconta i dieci lunghi anni di prigionia trascorsi tra i Piombi di Venezia e la fortezza-carcere dello Spielberg a Brno, nell'odierna Repubblica Ceca. Arrestato il 13 ottobre 1820 per per aver aderito ai moti della carboneria, condannato a morte (pena poi commutata in 15 anni di carcere duro), Pellico nei capitoli successivi narra la vita da "prigioniero", del processo spirituale che lo condurrà faticosamente a una pace interiore e a un avvicinamento al cattolicesimo più austero. 

Una curiosità, che forse molti non sanno, è l'occupazione di Pellico dopo questi lunghi anni che lo hanno reso famoso: il bibliotecario!

La digitalizzazione presente sulla nostra teca non proviene dall'esemplare della nostra biblioteca bensì da un'altra copia attualmente conservata a Monaco di Baviera: perché digitalizzarla nuovamente e sottoporre le carte a un ulteriore stress meccanico se già disponibile?

Buona lettura!

 

vai all'indice dei Libri e documenti antichi da leggere

Le mie prigioni front
webacademy